Archive

Archive for the ‘MARE’ Category

G.A.T. Gruppo Acquisto Terreni

 

Una sperimentazione sociale, la collettività che ritorna alla terra, passando per i canali economici, ma con intelligenza nuova:

sostenibilità,  solidarietà, comportamenti, investimenti e fiducia reciproca per dare una svolta al rapporto moltitudine/terra e moltitudine/alimentazione

 

La pagina della  REDDITIVITA’ AGRICOLA

 

GAT in Italia

Green Economy and Sustainable Development: Bringing Back the Social

Centrale carbone Vado Ligure

 

Il problema è molto semplice, il Governo e la Regione liguria hanno approvatoil progetto che vede allargare e potenziare una centrale che ha già un impatto molto alto di mortalità sulla popolazione.

Siamo in Liguria, in particolare a Vado Ligure, dove a causa delle emissioni prodotte dalla centrale, che da quarant’anni brucia fino a 5000 tonnellate di carbone al giorno, i tassi di mortalità e di inquinamento sono devastanti. Allarmante le informazioni divulgate: secondo gli esperti, gli effetti arrivano a 48 chilometri di distanza: fino a Genova, fino a località turistiche come Varigotti e Loano. A luglio il governo e la Regione Liguria hanno approvato il progetto di ampliamento.

Son proprio curioso di sapere che farà l’analisi di valutazione di impatto ambientale  e quali saranno i risultati.

Non si può scherzare con la vita delle persone e questa centrale a carbone ne sta mietendo troppe.

Biutiful cauntry

video consigliato da Zambo 🙂

Nell’aprile 2007 l’Unione Europea ha condannato l’Italia per aver tollerato la presenza di 4866 discariche illegali sul proprio territorio.

In Italia dal 1998 giace in Parlamento la proposta di legge per inserire i delitti ambientali nel codice penale.

Cava Riconta la discarica regionale di Villaricca è stata “ufficialmente” chiusa il 26 maggio 2007 per gravi irregolarità.

A Taverna del Re – Comune di Giugliano – le ecoballe occupano una superficie agricola di 3,5 milioni di mq.

Le “ecoballe” per il loro contenuto “non ecologico” non possono essere bruciate.

Giacciono in attesa di essere rimosse.

Il 7 luglio 2007 – dopo 9 mesi – Guido Bertolaso commissario straordinario emergenza rifiuti si dimette dall’ incarico.

Gli subentra il Prefetto di Napoli Alessandro Pansa.

Dopo 5 mesi il viceprefetto di Napoli Umberto Cimmino.

Dopo 8 giorni – 8 gennaio 2008 – l’ex capo della polizia Gianni De Gennaro nominato per 120 giorni…

Il 30 luglio 2007 la procura di Napoli nell’ambito delle indagini relative ai rifiuti in Campania – ha chiesto il rinvio a giudizio per Antonio Bassolino in qualità di commissario straordinario nel periodo 2000-2004 e fra gli altri Per Giorgio Romiti e Paolo Romiti ex vertici del gruppo Fibe-Impreglio per abuso di ufficcio truffa e frode in pubbliche forniture.

La richiesta di rinvio a giudizio è attualmente all’esame del giudice per l’udienza preliminare.

Il Gip di Napoli ha disposto nei confronti del gruppo Fibe-Impreglio il sequestro preventivo di 750 milioni di euro e il divieto di contrattare per un anno con la pubblica amministrazione per le attività di smaltimento rifiuti.

Il provvedimento è all’esame della Cassazione.

Nel nome dell’emergenza la Fibe-Impreglio continua a gestire gli impianti di smaltimento rifiuti in attesa di un nuovo bando di gara.

In Campania sono state censite “ufficialmente” 1200 discariche abusive.

1763 kmq di territorio sono inquinati a causa degli sversamenti legali ed illegali.

Nel 1997 sono stati stanziati dallo Stato oltre 174 milioni di euro per le bonifiche.

Nessun sito è stato ancora bonificato

Biùtiful cauntri

Pesce-robot contro l’inquinamento

Hi-tech e ambiente. Un pesce robot intelligente che, in grado di nuotare liberamente nel mare, fornirà utili rilevazioni dello stato di salute del mare. Costruito sul modello di una carpa l’ecorobot e’ dotato di sensori chimici per rilevare inquinanti potenzialmente nocivi. Lo scambio di informazioni sulle misurazioni d’inquinamento rilevate è previsto mediante tecnologia WIFI.

Questo amico dell’ambiente è risultato di un team di ricercatori della Essex University che inizierà la fase di test nelle acque del porto di Gijon. Questo pesce robot unisce milioni di anni di evoluzione della specie animale della natura con i risultati tecnologici della ricerca. Un fascinoso connubio che apre ad uno scenario di ecologia e robot.
La ricerca è importante, la sostenibilità ambientale un obbligo.