Archivio

Archive for the ‘ECOINCENTIVI’ Category

G.A.T. Gruppo Acquisto Terreni

 

Una sperimentazione sociale, la collettività che ritorna alla terra, passando per i canali economici, ma con intelligenza nuova:

sostenibilità,  solidarietà, comportamenti, investimenti e fiducia reciproca per dare una svolta al rapporto moltitudine/terra e moltitudine/alimentazione

 

La pagina della  REDDITIVITA’ AGRICOLA

 

GAT in Italia

Green Economy and Sustainable Development: Bringing Back the Social

politiche non ambientali

Come al solito nel nostro Paese si alzano polveroni su temi che tendono a nascondere prese di decisioni che hanno effetti ben più gravi. Da giorni tutte le testate giornalistiche e le reti di informazione televisiva sventolano come prima notizia lo “scandalo” IVA al 20% per SKY (bene assolutamente di seconda necessità), a mio avviso troppo poco eco invece viene dato a quella parte del decreto anticrisi che prevede un taglio degli sgravi fiscali a sostegno dell’efficienza energetica. Prima di tutto, è da considerarsi vergognosa la proposta di retroattività di questo emendamento, in effetti dubito che sarà possibile che passi con questa caratteristica che fregherebbe quegli italiani che avevano iniziato a costruire le loro abitazioni in modo sostenibile.

Reputo decisamente ridicolo e poco attento alle reali esigenze del nostro Paese questo modo di operare a livello finanziario. Tutto ciò che è e sarà in grado di diffondere l’utilizzo di infissi isolanti, impianti solari per il riscaldamento dell’acqua, caldaie dai consumi ridotti e tutti quegli interventi di efficienza, sia a livello ambientale che economico, per un Paese che ha bisogno di crescere e di rialzare a testa dovrebbe essere incentivato. A seconda di come tiri il vento si sventolano il trattato di Kyoto, il problema dell’inquinamento… ma purtroppo i tagli economici vanno troppo spesso a colpire la ricerca e quelle poche manovre incentivanti che il nostro sistema paese prevede, o a breve prevedeva, per dotare le nostre abitazioni di sistemi che possano realmente aumentare la qualità del nostro vivere.

In sostanza, forse sarò estremo, ma chi se ne frega di un adeguamento dell’IVA% per una PayTV, pensiamo a quelli che potrebbero essere dei veri problemi cioè i tagli agli incentivi pro-energia pulita/ambiente e al rischio che si sta per paventare di un sistema che inserisca la censura nel mondo internet.

Buona giornata a tutti.

Per chi ancora non sapesse del CONTO ENERGIA

Hai mai pensato di vendere la corrente elettrica a chi di solito te la fa pagare?

Con Conto Energia si può e lo si fa riducendo le emissioni CO2 e senza bruciare petrolio.

Dal 19 settembre 2005 è in vigore il DL 387/2003 che permette di usufruire degli incentivi Conto Energia.

Alla base del Conto Energia sta il concetto dell’incentivazione della produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile, non per quanto riguarda l’investimento iniziale necessario per la costruzione dell’impianto.Il Conto Energia prevede che il privato che costruisce l’impianto fotovoltaico percepisca un introito economico, con cadenza mensile, per la durata dei primi 20 anni di vita dell’impianto.

Come? Semplicemente rivendendo tutta l’energia prodotta direttamente al gestore GSE (Gestore dei servizi elettrici) ad una tariffa incentivante. scarica il testo del decreto legge Conto Energia in PDF

Di seguito la lista del prezzo a cui si rivende l’energia prodotta in base alla tipologia di impianto istallato:

Impianto da 1 a 3 Kwp
Euro 0,40 per impianto collocato in piano
Euro 0,44 per impianto inclinato
Euro 0,49 per impianto integrato al tetto

Impianto da 3 a 20 Kwp
Euro 0,38 per impianto collocato in piano
Euro 0,42 per impianto inclinato
Euro 0,46 per impianto ad integrazione architettonica

Impianto superiore ai 20 Kwp
Euro 0,36 per impianto collocato in piano
Euro 0,40 per impianto inclinato
Euro 0,44 per impianto integrato al tetto

image from http://www.conto-energia-online.it/

Due sono le condizioni necessarie per ottenere le tariffe sopra riportate:

  1. la dimensione dell’impianto fotovoltaico deve essere superiore ad 1 kWp
  2. si deve essere connessi alla rete elettrica

é da sottolineare che nel caso l’energia consumata dal privato fosse superiore di quella prodotta, verrà applicata la tariffa di prima fascia, la più economica.

Per chi ha voglia di fare un veloce calcolo di costi, introiti e tempi di ammortamento della spesa di installazione dell’impianto fotovoltaico, www.myenergy.it ha messo online questo Simulatore del conto energia molto utile perchè permette di ottenere informazioni relative alla regione e provincia che ti interessa.